Promozione su arretrati
RICERCA

Iniziativa Cielo e Terra

grande iniziativa cielo e terra by maryline in collaborazione con passatempi e passioni
 Condividi su:  
| | Condividi

Quelli mostrati in questa pagina sono i lavori che verranno valutati dalla giuria sui social networks e dalla giuria in fiera. Termine ultimo per la presentazione dei lavori 31 Ottobre 2014.

Scaricate il regolamento completo con tutte le informazioni e i premi!

Pan Gu separa cielo e terra

Secondo la leggenda e la cosmogonia, in principio nell’universo, non esisteva nulla, solo un vero caos. Cielo e terra non erano separati. Lo stesso caos si coagulò in un uovo cosmico, buio al suo interno: senza distinzione fra sopra, sotto, nord, sud, est ed ovest. Tuttavia in esso i sublimi principi universali dello Yin e dello Yang si bilanciavano perfettamente e da quell' equilibrio perfetto emerse Pan Gu. Raffigurato come un essere gigantesco e primitivo, villoso e dotato di grandi corna (ricordando nell’aspetto il Dio greco Pan) e vestito di pelli. Pan Gu si formò nell’ uovo per 18 mila anni e alla fine si svegliò. Aperti gli occhi, vide solo oscurità e sentì un gran caldo, al punto da non poter respirare. Non poteva alzarsi, perché il guscio dell’ uovo gli pressava il corpo e neanche stendendo braccia e gambe, riusciva a liberarsi. Poiché espresse la volontà di creare tutte le cose, prese una pesante ascia che aveva con sè dalla nascita e furioso la alzò distruggendo con un solo fendente il gigantesco uovo cosmico, che si spaccò liberando le materie pesanti. Queste discesero a formare la terra (Yin), e quelle leggere salirono formando il cielo (Yang). Pan Gu, felice di aver separato cielo e terra, ma per timore che si riunissero di nuovo, si mise a tenere alto il cielo col capo e a premere la terra coi piedi. Cominciò a crescere di 3 metri al giorno, e così pure il cielo, mentre la terra allo stesso modo si ispessiva. Questo processo di separazione durò altri diciottomila anni. Pan Gu nel frattempo era diventato un gigante fra cielo e terra, alto 45 mila km. Cielo e terra si stabilizzarono, senza più riunirsi e Pan Gu potè finalmente riposarsi. Tuttavia, sfinito a morte, non ebbe più l’energia di sostenersi ed il suo corpo gigantesco crollò a terra. Al momento della morte, il suo corpo si trasformò: l’occhio sinistro diventò il sole rosso e l’occhio destro la luna d’argento; il suo ultimo respiro generò nuvole e vento; l’ultima parola il tuono; i capelli e la barba divennero le stelle brillanti; la testa, le mani e i piedi le quattro direzioni e gli alti monti; il sangue i fiumi e i laghi; i vasi sanguigni le strade; mentre i muscoli si trasformarono in terra fertile; i peli in fiori e alberi; le ossa e i denti in oro, argento, bronzo, ferro, giada e pietre preziose; il sudore in pioggia e rugiada. Era nato il mondo. In altre versioni della leggenda, si narra che durante la separazione tra cielo e terra, Pan Gu venne aiutato da quattro bestie mitiche: la Tartaruga, il Qilin, la Fenice e il Dragone.

La Fenice, o Araba fenice, simbolo di morte e risurrezione, è un uccello mitologico noto per rinascere sempre dopo la morte dalle proprie ceneri. Il motto della fenice è “Post fata resurgo” (dopo la morte torno ad alzarmi). Si narra che dopo aver vissuto per 500 anni, la Fenice sentendo sopraggiungere lasua morte, si ritirava in un luogo appartato sulla cima di una quercia o di una palma. Costruiva un nido,accatastando le più pregiate piante balsamiche che intrecciava a forma di uovo, grande tanto quanto era in grado di trasportarlo. Vi si adagiava dentro rimanendo immobile e lasciando che i raggi del sole l'incendiassero, facendosi così consumare dalle sue stesse fiamme.

Il Qilin, o Kylin, Kilin o Kirin, è una creatura della mitologia cinese e giapponese simile ad una chimera. La leggenda narra che appaia in contemporanea alla nascita di un uomo saggio. È spesso rappresentato come un mostro il cui corpo è completamente circondato da fiamme. Ed è associato al punto cardinale ovest.

La Tartaruga nell'antica Cina è associata alla longevità e alla saggezza del cosmo, motivo per il quale nella lettura sul suo carapace (guscio) si ricerca l'augurio, il presagio e sui disegni del carapace che sembrano costituire un'iscrizione. In alcune raffigurazioni simboliche, la tartaruga è molto spesso rappresentata come tratto di unione tra il mondo mitologico e quello reale, unendo così cielo e terra.

Il Dragone simbolo di buon auspicio nel folklore cinese, al contrario di quello Occidentale che ha sempre avuto, anche prima della diffusione del Cristianesimo, connotati negativi. Il Drago Cinese è l'incarnazione del concetto di Yang, il Bene/Spirito-Fecondo, associato all'acqua. Creatura portatrice di pioggia, nutrimento per messi e armenti e non un mostro distruttore della tradizione occidentale.

Sponsor

Fili&Magia

Copyright © 2018 Cose Belle, by Maryline s.r.l. Castano Primo (MI) Italy - P.IVA: 03791990967 - Web design by Marco Mascazzini - indirizzo IP del tuo computer: 54.196.5.6